Rondinella Marzocco | Con la preferenza dei soci, la Rondinella ha un nuovo inno: è “Rondine Biancorossa” cantata da Lorenzo Andreaggi
4356
post-template-default,single,single-post,postid-4356,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.5.0,vc_responsive
 

Con la preferenza dei soci, la Rondinella ha un nuovo inno: è “Rondine Biancorossa” cantata da Lorenzo Andreaggi

Con la preferenza dei soci, la Rondinella ha un nuovo inno: è “Rondine Biancorossa” cantata da Lorenzo Andreaggi

L’ASD Rondinella Marzocco, è felice di comunicare che, con la preferenza dei soci votanti, “Rondine Biancorossa”, è il nuovo inno ufficiale della società.

Il tutto nasce durante la serata di presentazione ufficiale della nuova ASD Rondinella Marzocco, tenutasi l’8 Luglio 2019 nella storica location de Il Torrino di Santa Rosa, il Responsabile Comunicazione Gabriele Caldieron, quasi a scherzo, ma con grande onore verso la società che rappresenta ed amicizia con il cantante, lancia a Lorenzo Andreaggi (erede artistico designato dallo stesso Narciso Parigi) la sfida di scrivere l’inno ufficiale della nuova Rondinella Marzocco. 

Andreaggi non si tira indietro e accetta con entusiasmo la proposta. Chi meglio di lui per cantare l’inno di una squadra che deve tornare ai vecchi fasti? E’ a questo punto che il giovane cantante coinvolge il suo grande amico musicista e compositore Alessandro Innocenti con cui ha già collaborato in altri progetti musicali.
Già in passato Alessandro aveva accolto positivamente l’idea di scrivere per Lorenzo canzoni e musiche per i suoi progetti cinematografici. Insieme decidono quindi di dare vita ad un brano verace, fresco, giovane e vivace che rispecchi la nuova Rondinella Marzocco.
Nasce così il nuovo inno: RONDINE BIANCOROSSA. Un inno rock che vuole dare nuova energia più giovane alla squadra! Un regalo che i due artisti hanno voluto fare alla storica seconda squadra di Firenze e che raccontano così: “Un brano che racconta e ribadisce le origini dei simboli e dei colori della squadra: il Torrino di Santa Rosa, l’Arno, la maglia, l’antica storia del simbolo del leone del Dio Marte (il Marzocco) portato dai legionari romani di Giulio Cesare dall’Africa e il legame totale con Firenze di cui la Rondinella è la storica seconda squadra. Il nuovo inno vuole ricordarne e ribadirne inoltre le origini popolari senza tralasciare quel famoso bar del quartiere di San Frediano dove all’epoca nacque l’energia e l’entusiasmo per fondare la nuova squadra e per farla volare in alto. Insomma, tutti elementi che caratterizzano la storia e l’identità fiorentina della squadra dalla prima essenza fino a quella moderna.”La canzone viene presentata in anteprima il 21 luglio 2020 al Torrino Santa Rosa di Firenze durante la Festa Promozione della ASD Rondinella Marzocco.
I due artisti si immaginano che la storia della squadra sia raccontata a gran voce dai tifosi bianco rossi sugli spalti. L’incisione del brano, prodotto da Sergio Salaorni, è stata eseguita nello storico studio di registrazione di Firenze LARIONE 10 e presso gli spazi del “Dietro le quinte” alle Sieci. Alle chitarre troviamo Alessandro Innocenti, al basso elettrico Domenico Rossi, alla batteria Emanuele Bonechi, agli arrangiamenti fiati e all’organo Hammond Massimo Rastrelli, alla tromba Matteo Spolveri, ai cori Lorenzo Andreaggi, Alessandro Innocenti e Sergio Salaorni. Il sound engineer è Simone Papi. 

Lorenzo Andreaggi e Alessandro Innocenti ringraziano quindi di cuore tutti i soci e augurano ai tifosi e ai calciatori bianco rossi che questo nuovo inno accompagni con gioia le future partite della loro squadra in grandiose vittorie! – “Siamo orgogliosi che questa canzone sia diventata il nuovo inno ufficiale. Siamo due fiorentini veraci, riconosciamo da sempre nella Rondinella una storia di un’importanza fondamentale per Firenze. Con affetto ve lo abbiamo scritto, dedicato e donato.”.

La società inoltre manterrà anche il suo inno storico, e lo utilizzerà al termine delle partite casalinghe poiché, ogni mattone della storia societaria va valorizzato.

No Comments

Post A Comment

Condividi